neve

martedì 27 dicembre 2016

Recensione: Silverwood Lake di Simona Binni

Buongiorno a tutti!
Oggi vi parlo di una graphic novel moooolto interessante!


Silverwood Lake di Simona Binni

Casa Editrice: Tunuè Edizioni
Pagine: 160
Prezzo: 16.90 €
Data di pubblicazione: Ottobre 2016
ISBN:9788867901999



"Ci sono persone convinte di non meritare l'amore. Loro si allontanano in silenzio dentro spazi vuoti, cercando di chiudere le brecce del passato." (Christopher McCandless, Into the wild)



La mia recensione:


Silverwood di Simona Binni è la prima graphic novel che leggo di questa autrice nostrana e devo ammettere di esserne rimasta piacevolmente colpita.


Ciò che più mi ha affascinata, oltre alla storia in sé è stato il modo dell’autrice di caratterizzare i paesaggi e l’uso del colore con la prevalenza di sfumature rosa-violacee che rendono appieno il senso di malinconica nostalgia che permea l’intero volume.

Silverwood Lake narra una storia di abbandono, di vuoto, di possibilità perdute ma al tempo stesso dà anche speranza, a volte la vita sa essere dura, a volte si prende tutto, ma a volte restituisce.

Protagonista è Diego Lane, un giornalista che da anni ha perso suo padre, scomparso lasciando dietro di sé la difficile richiesta di non essere cercato.

Mai più.

D’improvviso però l’ospedale chiama Diego e lo avvisa che è stato ritrovato un senza tetto che corrisponde a suo padre e che le condizioni di salute dell’uomo, soprattutto quelle neurologiche, sono compromesse.

Ma Diego non riconosce l’uomo che ha davanti a sé, il bambino abbandonato che è in lui si rifiuta di perdonare un uomo che è un estraneo.

E così Diego, su suggerimento di un’amica, parte per Silverwood Lake, un campeggio creato per ospitare persone senza radici.

Lì l’uomo cambierà per sempre.

Dopo uno stato di apatia Diego perderà sè stesso ma grazie agli altri ospiti di Silverwood Lake piano piano si riscoprirà un uomo nuovo.

Tante e diverse le storie che Simona Binni affronta in questa opera ma tutte accumunate da un senso di perdita, di vuoto, di colpa, di amarezza per la vita.

Una graphic novel malinconica che fa riflettere moltissimo sulle piccole cose della vita, sui semplici gesti quotidiani che troppo spesso dimentichiamo.

I volti non sono delineati nel dettaglio ma ciò che appare benissimo sono le emozioni che provano i personaggi, le loro espressioni, i loro occhi dicono molto più di mille parole.

Tutti i disegni risultano opachi, come se ci fosse una patina che ci nasconde i colori più vividi rendendo tutto meno definito, ed anche in questa caratteristica si ritrova il filo conduttore del fumetto, la perdita di sè stessi, l’offuscamento dei veri obiettivi.

Ogni capitolo è preceduto da una citazione proveniente da icone letterarie o del mondo del cinema che racchiude il messaggio del percorso narrativo intrapreso in esso.

Un’opera dura ma adatta a tutti, dai più giovani agli over 50.



  

A presto,




Nessun commento:

Premi del blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Ti piace il mio blog?