neve

domenica 30 luglio 2017

Recensione "Delitto di una notte buia" di Elizabeth Gaskell

Buona domenica a tutti!
Oggi vi parlerò di un classico che arricchisce la pubblicazione dei testi di Elizabeth Gaskell tradotti in italiano.




Trama:
"Delitto di una notte buia" appare a puntate per la prima volta tra il gennaio e il marzo del 1863 tra le pagine del periodico «All the year round» grazie all'entusiasta approvazione di Charles Dickens. Ford Bank è una cittadina nella quale Edward Wilkins esercita la professione di avvocato come il padre prima di lui. La capacità affabulatoria e l'acuta intelligenza gli permettono di avvalersi della simpatia dei nobili locali benché questi ultimi non considereranno mai l'avvocato un loro pari. Sconvolto per la morte della moglie e della secondogenita, Mr. Wilkins riversa ogni attenzione nei confronti della figlia maggiore, Ellinor. La vita della ragazza sembra perfetta: è innamorata del giovane Mr. Corbet, uno studente di Giurisprudenza brillante e ambizioso; tutto le sorride, al punto da non accorgersi dell'evidente stato di decadenza del padre, il quale, sentendo il peso dell'inadeguatezza sociale e del proprio fallimento, riversa i suoi malumori in vizi, lussi e alcolici. Tutto si ferma una notte, una notte buia durante la quale Ellinor assiste a un delitto. E sarà proprio questo evento a sconvolgere drasticamente la sua vita ribaltando l'ordine di ogni cosa.


Recensione:
Delitto di una notte buia di Elizabeth Gaskell fu pubblicato nel 1863, due anni prima della morte dell’autrice quindi nel pieno periodo della sua maturità letteraria.


Il romanzo breve apparve prima a puntate sulla rivista “All the Year Round” e poi in volume unico nello stesso anno.


L’aggettivo “buia” fu aggiunto, contro il volere dell’autrice, da Dickens il quale, per attirare più pubblico volle collocare il romanzo tra i racconti suggestivi e misteriosi circa omicidi che andavano di moda in quel periodo.


In realtà però “Racconto di una notte buia” non ha nulla di misterioso.


Il colpevole è subito palesato e il delitto non è certamente il fulcro della narrazione.


L’autrice infatti in questo racconto esplora l’animo umano in tutte le sue sfumature, in particolare quelle più oscure e il perché si cade tra le braccia del male.


Il racconto è ambientato in un piccola cittadina, Ford Bank, un’ambientazione per certi versi simile a quella già trovata nel racconto “La casa nella brughiera” ma l’atmosfera è sicuramente meno bucolica.


Per tutta la prima parte del libro seguiamo le vicende dell’avvocato Edward Wilkins, vedremo come il seme del male farà breccia nel suo cuore e approfondiremo le motivazioni che lo porteranno alla sua totale corruzione.


Attraverso questo romanzo breve l’autrice fa anche una critica profonda alla società dell’epoca, alla sua rigida divisione in classi sociali.


Infatti l’avvocato Wilkins pur avendo un’istruzione pari ai nobili del suo paese ed essendo di gran lunga più ricco di loro non riuscirà ad integrarsi in questa classe, integrazione da lui tanto ambita che lo porterà alla rovina.


In questo testo manca una figura portante femminile, infatti è solo nella seconda parte che approfondiremo la conoscenza di Ellinor, testimone dell’omicidio, e vedremo come il rimorso cambierà profondamente la sua natura.


Senza dubbio i veri protagonisti sono i vizi e le virtù.


Un romanzo che si legge d’un soffio, grazie alla splendida traduzione di Mara Barbuni le parole scorrono fluide e sinuose.


Una superba introduzione, che io vi consiglio di leggere a lettura ultimata per approfondire il romanzo, di Francesco Marroni dà il tocco finale alla splendida edizione pubblicata dalla casa editrice Croce.

Qui potete trovare le mie recensioni agli altri romanzi dell'autrice e del suo mondo:
La casa nella brughiera
I fratellastri
Un Natale tutto per sé
Sui passi di Elizabeth Gaskell di Mara Barbuni





Nessun commento:

Premi del blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Ti piace il mio blog?