neve

lunedì 7 settembre 2015

Recensione: Florence di Stefania Auci

Buongiorno a tutti!!
Chi ci segue su Fb avrà visto la foto postata ieri di una recensione "in progress"....bene eccola qui terminata!

Florence di Stefania Auci

Casa Editrice: Baldini & Castoldi
Pagine: 412
Prezzo: 18 €
Data di pubblicazione: Luglio 2015
ISBN: 9788868528508

Trama:

Ludovico Aldisi, un ambizioso giornalista della "Nazione", conosciuto per le aperte simpatie interventiste, vede nella guerra appena dichiarata un'occasione di prestigio e ascesa sociale. È un uomo affascinante, che ha come amante Claudia, la bella moglie di un ricco avvocato, cui non esita a chiedere soldi e favori. La sua esistenza subisce una svolta quando, durante una manifestazione pacifista, rivede Dante, amico e compagno di università. In quell'occasione conosce anche Irene, una ragazza francese, figlia di un suo ex professore universitario. La giovane lo impressiona per la verve intellettuale e la libertà di pensiero, oltre che per la fede pacifista. L'amicizia tra i due non attecchisce subito. L'uomo, infatti, si reca sulla Marna come inviato di guerra e qui si unisce a un battaglione scozzese. Conoscerà da vicino l'orrore delle battaglie, e questi eventi lo cambieranno profondamente. Al ritorno, Ludovico non è più il giornalista spregiudicato di quando era partito, ma un uomo confuso e tormentato. Mentre il rapporto con Claudia comincia a sfaldarsi, l'unico a dargli una mano è Dante, che lo invita nella sua tenuta nel Chianti, la Torricella. Lì c'è anche Irene. Tra i due si crea un legame che aiuterà Ludovico a far chiarezza dentro di sé e a comprendere cosa ha davvero perduto, proprio quando anche su Firenze e sull'Italia cominciano ad allungarsi le ombre minacciose della prima guerra mondiale.  

La mia recensione:

Florence di Stefania Auci è un romanzo rosa dalle tinte rosa che sa conquistare il lettore.

La Prima Guerra Mondiale, i cui echi accompagnano tutta la storia, è un elemento fondamentale della vicenda e la sua drammatica presenza influenzerà inesorabilmente tutti i personaggi creati dall'autrice.

Siamo nel 1914, la Grande Guerra divampa in Francia e in Belgio ma l'Italia ancora osserva, dividendosi fra interventisti e pacifisti che vorrebbero vedere il loro paese neutrale nei confronti di un conflitto che assume tinte sempre più cremisi.

Ho molto apprezzato la ricostruzione dell'autrice che affronta la questione sopratutto  da un punto di vista della stampa.

Infatti il protagonista maschile del romanzo è Ludovico Aldisi, un cronista della testata "La Nazione".

Aldisi è un giovane interventista, che vede nella guerra una possibilità di riscatto per l'Italia e per se stesso.

Fare carriera è il suo principio di vita, diventare qualcuno anche a costo di calpestare gli altri.

E proprio per questo si farà mandare dal suo capo al fronte come inviato di guerra.

Ma ciò che troverà lì non sarà fama e gloria ma una profonda devastazione dell'uomo, nel corpo e nello spirito.

La guerra lo cambierà per sempre e farà riaffiorare il suo lato umano, sepolto in gioventù di fronte alle difficoltà della vita.

E proprio questo suo cambiamento in positivo lo riunirà con Dante, il suo migliore amico dell' università e ben presto tra i due si instaurerà la complicità di un tempo.

E proprio grazie a Dante, Ludovico farà la conoscenza di Irene, la giovane figlia del loro amato professore di Letteratura.

Irene, protagonista femminile del romanzo, è una ragazza matura per la sua età, cresciuta a Parigi si sente soffocare dal clima provinciale italiano, fiorentino, che vuole la donna come madre e moglie ma non le dà spazio in altri ambiti strettamente riservati agli uomini.

Irene incarna l'idea di emancipazione femminile che andrà via via diffondendosi sempre più con il passare degli anni.

Ma se da un lato abbiamo Irene, fresca, giovane e dagli ideali aperti al futuro dall'altra abbiamo Claudia, l'amante di Ludovico, che ha trovato la sua gabbia in un matrimonio di convenienza che le sta prosciugando la vita.

E proprio per aiutare la donna a fuggire da suo marito Ludovico metterà a repentaglio la sua vita e la sua felicità.

Toccante l'epilogo, ambientato pochi mesi dopo la fine del conflitto mondiale, dove sarà evidente la potenza distruttiva del conflitto e i milioni di morti che l'umanità pagherà come prezzo bellico.

Un romanzo importante, dal ritmo cadenzato che acquista forza nel corso della lettura.

Ho trovato la Auci migliorata rispetto ai precedenti lavori e il libro risulta ben strutturato e pienamente godibile.

Buona la caratterizzazione dei personaggi sia primari che secondari e ottima quella delle ambientazione e sopratutto delle descrizioni architettoniche.

Un romanzo assolutamente consigliato!

 






Nessun commento:

Premi del blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Ti piace il mio blog?