29/03/2018

Giuro che non siamo morte e non abbiamo abbandonato il nostro blog solo che in questo periodo, sia per lavoro, sia per studi, non riusciamo ad essere così presenti.

Scusateci e torneremo al più presto da voi!

Redazione Romance e non solo

mercoledì 17 gennaio 2018

Blogtour: Il giorno in cui ho imparato a volermi bene di Serge Marquis

Buongiorno a tutti e benvenuti nella seconda tappa del blogtour dedicato al romanzo:
Il giorno in cui ho imparato a volermi bene di Serge Marquis



Il libro
Casa Editrice: Sperling & Kupfer
Collana: Parole
Data di pubblicazione: 16 gennaio 2018
Pagine: 255
Prezzo: 16.90 €
ISBN: 9788820063924

Trama:
Un romanzo che mette in pace con se stessi.
Maryse, illustre neuropediatra, è una donna bella e intelligente, ma terribilmente narcisista e ossessionata dal bisogno di essere sempre la più brava, la più ammirata - la numero uno. È anche madre di Charlot, un bambino singolare, che sa meravigliarla ed esasperarla al tempo stesso. Come una sorta di Piccolo Principe, fin dalla più tenera età Charlot la disarma con domande sulle verità più essenziali e meno afferrabili: la felicità, il senso della vita e dell'amore. Grazie a Charlot e ai suoi quesiti filosofici che la mettono in difficoltà, Maryse inizia pian piano a spogliarsi delle sue certezze inossidabili. Grazie a Charlot e alle sue lacrime, Maryse capisce che certe ferite inflitte dalla vita non hanno un motivo né una spiegazione, e riscopre il valore dell'umanità nel ruolo di medico. Con il suo candore acuto e il suo coraggio ostinato anche di fronte alle prove più dure, un ragazzino come Charlot sarà in grado di dimostrare agli adulti che l'essenziale nella vita sta nell'assaporare ogni istante del presente, nel riscoprire quella tenerezza che ci permette di entrare in connessione con gli altri, nello spogliarsi del proprio ego e di tutte le maschere che ci impone. Solo così è possibile imparare a volersi bene e lasciarsi andare alla vera gioia, quella che si raggiunge solo con l'intelligenza del cuore. Perché «diventare intelligenti è aver trovato il significato reale della parola amare».

Il mio commento:
Il giorno in cui ho imparato a volermi bene narra il modo in cui il piccolo Charlot ha saputo cambiare la vita di sua madre Maryse.
La donna è una neuropsichiatra infantile e il suo obiettivo nella vita è stato sempre quello di eccellere sugli altri.
Ma la vita le ha donato un figlio speciale, sensibile ed estremamente intelligente che saprà farle capire che la carriera non è tutto, che esistono le persone e soprattutto i loro sentimenti, che soffrire è umano e amare gli altri non può che arricchire noi stessi.
Il libro racconta la storia di Maryse e di Charlot a partire dal momento del parto fino all'adolescenza soffermandosi in particolare nei momenti più duri e difficili, i quali però rappresenteranno dei passaggi fondamentali di crescita per i protagonisti.
Un libro toccante, duro, a volte anche troppo se devo essere sincera, che vi farà versare non poche lacrime ma che merita di essere letto.

Ed ora approfondiamo insieme la figura di Charlot:
Presentato fin dalle prime pagine come un bambino “speciale” Charlot si dimostra fin dalla più tenera età acuto ed intelligente, capace di mettere in seria difficoltà una madre poco attenta alle esigenze di un figlio che mette continuamente in discussione il suo enorme ego.

Charlot sa sempre come colpire il bersaglio e se la maggior parte dei bambini fa i capricci perché vuole l’ultimo videogioco uscito sul mercato o perché ha perso la partita a pallone Charlot si fa domande esistenziali, sulla natura del nostro essere profondo e riguardo scopo della vita.
Charlot è la nota positiva in un romanzo che senza la sua ventata di perenne fiducia verso il mondo e verso la vita sarebbe risultato spaventosamente triste e crudele.
Charlot è leggero come un fuscello ma forte come una roccia.
Anche davanti alle continue difficoltà a cui la vita lo sottopone non si spezza e soprattutto con le sue continue domande e riflessioni farà crescere tutte le persone adulte che lo circondano, in primis la mamma che da donna chiusa e volta solo verso il proprio successo all’inizio della storia si risveglierà dal suo torpore e imparerà ad affrontare il dolore, a lasciarsi andare ai sentimenti, a mettere gli altri prima di se stessa.
Un passaggio del romanzo che mi ha davvero emozionata è stato il momento in cui a Charlot è stata diagnosticata l’atrofia del nervo ottico, che lo avrebbe portato alla perdita della vista e forse anche dell’udito.
Al momento della diagnosi Maryse cade nello sconforto più totale e non tanto per ciò che potrà provare Charlot ma per quello che dovrà affrontare lei per supportare un invalido, e proprio quando la donna è quasi catatonica Charlot con la sua vocina (almeno io così me lo sono immaginata) la riporta alla realtà:

< Ma non hai sentito il dottore, mamma? Io ci vedo ancora.> Poi, scandendo ogni sillaba, ha ripetuto: <CI-VE-DO-AN-CO-RA!>.

Da questo passaggio si capisce pienamente il carattere di Charlot.
Un altro punto focale intorno al quale ruota la narrazione riguarda la definizione dell’ego.
Partendo dalla domanda di Charlot alla mamma e passando poi attraverso le riflessioni dello psicologo…l’ego rappresenterà una parte importantissima del romanzo.
L’ego è la malattia più diffusa nel nostro secolo, tutti ne soffrono e più questo cresce più chi ci sta intorno ne subisce le conseguenze.
Nel corso del romanzo seguiremo il nostro piccolo protagonista lungo tutta la sua giovinezza, e proprio l’adolescenza sarà un momento durissimo per lui perché nonostante la malattia e i lutti già affrontati in tenera età dovrà affrontarne uno ancora più grande rappresentato dalla sua migliore amica e fidanzata Marie-Lu, pagine strazianti queste che vi spezzeranno il cuore.
Come avrete capito "Il giorno in cui ho imparato a volermi bene" è un libro duro, che affronta il male peggiore, quello infantile, ma nonostante questo dà al lettore moltissimi spunti di riflessione e una nota positiva, rappresentata appunto da Charlot.


L'autore:

Serge Marquis
è uno medico canadese specializzato nel trattamento dei disturbi da stress e ansia. Conferenziere molto apprezzato, nel 1995 ha fondato e da allora dirige l’associazione Tortue (Organizzazione per la riduzione delle tensioni e dello stress in azienda).


Non perdete le prossime tappe del blogtour per approfondire gli altri personaggi!
A presto,




Nessun commento:

Premi del blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Ti piace il mio blog?