neve

giovedì 21 aprile 2011

Recensione "La collina più alta" di Sara Aldegheri + intervista

Giorno a tutti,
oggi sono qui per proporvi la mia recensione del libro di una scrittrice emergente che ci ha contattate per farci conoscere la sua opera :)
Oltre alla mia recensione ci sarà anche un'intervista all'autrice.

Cominciamo...

Il libro di cui vi voglio parlare è...

LA COLLINA PIU' ALTA di Sara Aldegheri

Casa Editrice: 0111 Editore
Collana: Selezione
Genere: Sentimentale storico
Pagine: 224
Prezzo: 15€ (7,49€ per il formato ebook)
Data di pubblicazione: 25 Marzo 2011
Codice ISBN: 9788863071016

Trama:
Inghilterra, XVIII secolo.
Jane ha vent’anni, una famiglia, una casa, una buona amica e un pretendente. Da un giorno all’altro, però, tutto le viene sottratto. Costretta a prendere servizio presso la dimora del signor Hench, uomo enigmatico e scontroso che sembra vivere con l’unico scopo di tormentarla, capirà che ci sono alcune cose a cui non può davvero rinunciare: la libertà, l’indipendenza e l’amore.

Recensione di Arianna:
Protagonista di questo libro è Jane Leighton, una giovane donna figlia di un borghese.
Una ragazza comune con un sogno nel cassetto... riuscire a lasciare la sua casa dove non riesce ad avere la libertà da lei sempre agognata... quella libertà che le viene negata dagli stessi genitori che la vogliono veder sposata e accasata con un uomo approvato da loro.

Jane è una ragazza coraggiosa, caparbia, non ha peli sulla lingua e non ha paura di confrontarsi con altre persone, insicura solo con se stessa e le sue emozioni più forti.

Un personaggio altrettanto forte e scorbutico che ritroviamo in questo romanzo è il signor Hench, il padrone di un terreno confinante con quello di Jane che fin dalle prime pagine troveremo in disaccordo e in contrasto tra di loro.

Purtroppo la buona sorte non sembra tener di buon conto la famiglia di Jane, infatti dopo la morte del padre, la madre, Jane e la sorellina Emma verranno a scoprire che la casa dove abitano è stata data ad un signore di Londra in cambio di una perdita del signor Leighton giocando d'azzardo.

Da quel momento in poi la vita diventa davvero dura per la famiglia, ma un giorno inaspettatamente Jane troverà un possibilità di allontanarsi dalla casa e dalla madre, grazie al signor Hench che le offre un lavoro di cameriera.

Da qui in poi vedremo come il personaggio di Jane inizierà a crescere, a vedere la vita in modo diverso, a dover lavorare per poter aiutare la madre e la sorellina a vivere in modo dignitoso.

Un romanzo scorrevole, lo si legge con una velocità incredibile, data anche dalla bravura dell'autrice nel saper descrivere in maniera molto suggestiva gli avvenimenti e grazie anche allo studio approfondito fatto da lei per riuscire a ricreare situazioni e discorsi adatti al periodo di cui questo libro tratta.

Un romanzo da non perdere per gli amanti dei romanzi ambientati nel XVIII secolo.

e 1/2

E ora ecco a voi l'intervista all'autrice...

A e A: Ciao Sara e grazie per essere stata così gentile ad accettare di fare un’intervista sul nostro blog. Quindi per prima cosa… Benvenuta su Romance e non solo ^.^… ti va di presentarti ai nostri lettori?
Sara: Ciao ragazze, grazie a voi per avermi invitata qui. Con le presentazioni sono terribile, ma ci provo.
Sono Sara Aldegheri, scrittrice dilettante ed editor per vocazione, come tanti altri scrittori svolgo una doppia vita: di giorno ho un lavoro "normale" e di sera mi dedico alla scrittura. Ho una folle passione per l'arte e per la storia, e sono sempre più convinta di aver sbagliato secolo in cui nascere. Da 25 anni cerco di esorcizzare il mio debole per il romanticismo in tutti i modi, e scrivere un libro che è essenzialmente una storia d'amore mi è sembrata una buona terapia; soprattutto perché, da brava veronese, le storie d'amore tormentate sono proprio nel mio dna, non posso farne a meno. Comunque, per inciso, la terapia non ha funzionato.

A e A: La tua passione per la scrittura è nata da poco o è una passione che hai coltivato nel corso degli anni?
Sara:
Scrivo da anni, anche se le prime cose che scrivevo erano delle vere schifezze. Per fortuna con la pratica si migliora. "La collina più alta" è il mio primo romanzo serio e l'ho scritto quando ho iniziato l'Università, a 19 anni. Poi l'ho abbandonato nel classico "cassetto" e mi sono dedicata completamente all'editing, a livello professionale e non. Un annetto fa ho pensato di risistemare il mio vecchio romanzo e così... eccomi qua :-)

A e A: Cosa ti ha indotto a scegliere di scrivere romanzi storici e non iniziare, magari, la carriera scrivendo romanzi gialli o altro?
Sara:
Essendo appassionata di storia, ma soprattutto di storia culturale (quindi usi, costumi, vita quotidiana, mentalità, cultura, arte...del passato) mi sono gettata a capofitto sui romanzi storici fin dalle mie prime letture. Perciò, quando ho deciso che avrei scritto un romanzo di carattere sentimentale mi è venuto naturale ambientarlo in un'epoca passata, e il tardo Settecento inglese mi è sembrato il periodo più adatto per la storia che volevo narrare.

A e A: In questi anni si è particolarmente diffusa la pubblicazione di libri riguardante il paranormale (vampiri, licantropi, demoni, angeli…). Non hai mai pensato di scrivere, magari in futuro, un libro di questo genere?
Sara:
Non ci avevo mai pensato ma ora che me lo dici... perchè no? Mi piace sperimentare, e poi nulla mi vieterebbe di collocare i miei vampiri in un'epoca storica ben precisa, ambientando il romanzo nel passato. Potrebbe essere una bella sfida, ci farò un pensierino!

A e A: Durante la scrittura dei tuoi romanzi, il luogo dove ti rifugi a scrivere deve essere silenzioso? O preferisci un sottofondo di musica? Hai un’atmosfera particolare che ti aiuta a rilassarti durante la scrittura?
Sara:
Ho bisogno del silenzio per concentrarmi ma poi, quando sono in fase creativa, potrebbero bombardare casa mia e non me ne accorgerei nemmeno. Tendo a isolarmi completamente dal resto del mondo quando scrivo. Ovviamente, la cosa mi crea spesso qualche problemino (gente che suona venti volte il campanello e, non vedendomi arrivare, pensa che io sia affogata in vasca, ad esempio).

A e A: Quali sono i tuoi progetti futuri o idee in cantiere? Naturalmente solo se puoi e vuoi renderlo noto ai lettori ^^
Sara:
Ho diverse idee ma, al momento, nessuna che mi convinca del tutto. Per fortuna, aggiungerei, perchè quando inizio un progetto mi ci dedico completamente trascurando tutto il resto e in questo momento ho molti impegni da non trascurare. Ho anche diversi progetti lasciati incompiuti che mi piacerebbe poter portare a termine (ma in questo caso manca proprio il tempo per farlo): tutte storie con ambientazione d'epoca, ovviamente.


A e A: Bene con questo è tutto… Ti ringraziamo di cuore per la tua disponibilità Sara. In bocca al lupo per il tuo lavoro. C’è qualcosa che vorresti ancora aggiungere?
Sara:
Sì, invito chiunque abbia letto "La collina più alta" (o abbia in mente di farlo) a lasciarmi un commento, anche telegrafico, sul mio blog (www.saraldegheri.blogspot.com) o via mail. Sono sempre entusiasta di conoscere nuovi lettori. Quindi per valutazioni, consigli, richieste, insulti e quant'altro scrivete liberamente a saraldegheri@gmail.com!
A voi ragazze faccio i complimenti per il blog, che ormai leggo sempre, e rinnovo il mio grande grazie per lo spazio che mi avete concesso.
Buone letture a tutti!


Grazie mille ancora a Sara per averci dato la possibilità di leggere il suo libro e parlare con lei :)

A presto lettori e lettrici del blog :)
Buone letture!!!


&

Nessun commento:

Premi del blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Ti piace il mio blog?